Google+ Followers

Translate

venerdì 14 novembre 2014

Instabilità

L'indignazione vera porta al sovvertimento degli equilibri.
Si prova a tentare la sorte con delle definizioni, che sono pura sconfitta.
Tu vivi per te!
"Tu per chi vivi?"
Io vivo per te.
"Non è vero!"
"E' vero, Ma tu non puoi riconoscere una verità tanto umiliante. Ti fa sentire come sei: molto piccolo..."
Un cane vive solo per il padrone.
I lupi in branco.
Gli uomini-lupo vivono come morti di fame.
Non verrà mai la fine del mondo. C'è una stupidità diffusa che non ha modo di coglierne i segnali.
C'è sempre una luce accesa all'ultimo piano della casa di fronte. E' un incubo. E' un richiamo che fa venire le vertigini.
"Non mi stenderò più sotto un albero."
C'è acqua e fango ovunque.
Se conosceste il sapore del declino vi lascereste convincere a non essere invidiosi.
Peccato era una buona occasione per conoscersi. Non ci sarà una prossima volta. Non è sempre prevista un'altra occasione.
Con quel cappello in testa mi sembri uno che ha problemi di capelli.
"E' la testa che non trova più copertura adeguata."
Ci si veste da pagliacci per prendere in giro chi ci guarda.
Anche chi non vede coglie un alone di verità. E' una percezione che porta nel mondo dei conflitti interiori: mentali.
Vestono male guardie giurate e certi cantanti del nord Italia. Alcuni sembrano scampati a tragedie ambientali che portano all'estinzione.
"Le Iene" lo guardano chi non ha rinnovato l'abbonamento a Sky.
"Con quello che costa!"
"Minaccia la disdetta. Ti propongono subito altre condizioni."
"Taci, per favore. Mi sembri un mendicante."
"Ma davvero!" trattiene lo stupore. "C'è da risparmiare un botto di soldi!"
"Ma quanto guadagni, coglione? Piangi per dieci euro in più o in meno?"
"Non ti rispondo."
Il vento non è mai di novità. E' scompiglio.
"Che pulisce l'aria."
In montagna l'aria è pulita.
"Una volta. Adesso è un delirio con le concentrazioni dei gas serra in aumento."
"Non mangerò più pomodori."
Spero che ritorni la bellezza perduta.
Non sarà capita, con lo sfacelo che ha creato il pessimo gusto.
"Non comprerò più cappellini. Mi hanno stufato. da oggi indosso solo giacche e cravatte."
I colori non sono indice di gioia. Sono l'esito della fine.
"Prima poi doveva capitare!"