Google+ Followers

Translate

mercoledì 21 settembre 2016

Ignoranti!

Siete ignoranti. Pertanto in difetto.
Il non sapere non è una colpa. Ma l’ignoranza sì, l’ignoranza rende colpevoli.
Il non sapere rende l’uomo uomo. L’ignoranza gli nega la facoltà di entrare in contatto con il mondo esterno.
L’ignorante è una minaccia contro l’umanità. Va perdonato quando non può essere innalzato
La consapevolezza di non sapere crea nell’uomo tensione verso il sapere.
L’ignoranza lo confina nella volontà consolidata delle sue mancanze. L’ignorante è chi non sa di non sapere, pertanto immagina finanche di sapere. Immagina -  senza credere, per credere ci vuole conoscenza - perfino che gli altri non si accorgano della sua ignoranza.
L’ignoranza si riconosce al di là dei travestimenti, da lontano e a priori da qualsiasi espressione.
L’uomo tende alla sapienza, al sapere.
L’ignorante tende al nulla, alla volgarità della sua esistenza inutile.

Certo c’è sempre un altro ignorante da qualche parte che porge la mano! 
Ma alla fine, quando la commedia sarà conclusa, non senza rimpianti, rimarrà quel lume di umanità che darà ragione a chi quella verità l'ha meritata!